Home

 Ponte Nuovo

La passerella sul Nera

Con questo nome chiamiamo oggi quello che è stato uno dei ponti più importanti  sul fiume Nera a Narni. Si vuole che fosse il primo luogo in cui i romani fecero passare la via Flaminia, prima di costruire il maestoso ponte di Augusto. La datazione del ponte è controversa , ma la data presumibile di costruzione o ricostruzione è successiva alla caduta del ponte di Augusto avvenuta nel 1053 e già si parla di esso nel 1092 per una donazione alla abazia di Farfa, 

Nel statuti di Narni del 1371 si parla delle regole relative ai ponti. ed in particolare “Il ponte in pietra…e legno … non si accendano fuochi nei ponti….. specialmente a ponte nuovo…..”, ma la datazione più conosciuta si ha a partire dal XIII secolo , sicuramente viene restaurato nel 1473 dal Cardinale Berardo Eroli , 

come ci raccontava una lapide sulla torre medioevale che era a sua difesa, e che fungeva da posto di guardia e riscossione delle gabelle per entrare ed uscire dalla città.

Dipinto del Mortier con ponte levatoio

sicuramente questo ponte fu attivato dopo il crollo del ponte di Augusto, negli statuti di Narni del 1371 viene citato come ponte nuovo nel 1473 fu fatto restaurare dal Cardinale Berardo Eroli, le prime immagini ...almeno per ora sono del dipinto di Piermatteo D'Amelia nel 1482 ... ora presso la chiesa di Santo Agostino.

poi molte altre immagini, fino ad arrivare ad oggi . 

Le cose da esaminare sono i piloni..... le arcate sono poco legibili

La documentazione risulta più dettagliata nelle riformanze tra il 1500 ed il 1600, e qui riportiamo alcune curiosità di tale periodo.

immagine presso l'archivio diocesano di Narni

1577 08 08 Il fattore dell'ospizio del ponte è stato danneggiato dal passaggio della compagnia del governatore che ha provocato la morte di alcuni buoi e chiede di essere risarcito
1581 01 07 discussione del capitolo aggiunto dai deputati della gabella circa la bottega del ponte
1581 07 22 Scorte gestione del vitto dei cento soldati posti a guardia del ponte della Nera
1581 08 20 è necessario nominare un nuovo responsabile delle guardie del ponte
1582 5 Giugno   si acquista legname per il rifacimento del ponte sul fiume Nera
1582 12 17  Abusi è giunta notizia che mastro Sensino sta  costruendo una fornace di calce presso il Ponte rotto ma il terreno risulta della comunità-
1583 03 14 Ordine di lavori di riparazione Ponti presso il ponte della Nera si sono accumulati  tronchi che potrebbero  essere pericolosi.


nella immagine Codaleva, ospizio e poi chiesa per essere poi osteria distrutta nel 1944.

1583 05 19 Battista Nicoletti da Terni realizzerà un porto di barche per condurre robe a Roma sotto i mulini di Montoro; chiede alla comunità di accomodare la strada di là dal fiume sino al ponte di Stifone.
1587 10 22 Angelo Racano e Quintiliano Cardulo chiedono l'elemosina di mattoni e di alcuni pali  che stanno al ponte della Laia per la costruzione della chiesa della Madonna della Quercia, sulla strada per Capitone.
1588 07 02 il ponte di legno sul Nera ha urgente bisogno di lavori.
1590 11 21 Ordinaria Difesa della comunità Proposta Banditi si propone di mettere una campana nella
torre del ponte della Nera per avvertire in caso di pericolo con i banditi
1590 12 03 Ordinaria Difesa della comunità Proposta Banditi dato che i banditi si sono ormai spinti verso
la costa, si propone, per economia, di far cessare la guardia del ponte e delle porte da parte dei contadini

1591 04 04 Ordinaria Difesa della comunità Richiesta/Concessione di provvigione Banditi il luogotenente della milizia chiede che siano pagati i tre uomini che,dato l'allarme per i banditi, hanno presidiato il ponte della Nera
1591 04 04 Stefano Balisino luogotenente della milizia fa istanza che siano pagati Cinzio Iovenelli, Angelo Boccapianella e Francesco Scribonio guardie al ponte della Nera per i banditi

1591 05 21 il reverendo Antonio Carissimo canonico presta una campana della chiesa di S.Gregorio alla comunità per la torre del ponte sulla Nera.
1591 11 19 il vescovo Erolo de Eroli benedice la nuova campana, collocata in turri super arce presso il ponte della Nera
1596 03 02 Angelo Renzi e Giovanni Andrea Fardelletto commissari eletti per il transito previsto dei banditi chiedono polvere da sparo e archibugioni al ponte, e gli archibugioni sono in pessime condizioni
1596 04  il card. Aldobrandini scrive al governatore ordinando che l'oste al ponte della Nera, Baldo, sia rimborsato per i danni subiti dai banditi regnicoli che passano di qua per andare alla guerra
1596 05 18 al ponte della Nera bisogna fare due scale,  accomodare la porticina che passa di là dal fiume, accomodare il tetto della torre e farci la chiave
1597 08 02 lavori di riparazione Ponti bisogna acconciare il ponte della Nera e mettervi una trave
1598 05 13 Paris falegname in assenza dei forminari ha pulito la formina e ha anche accomodato il ponte sulla Nera

1598 07 27 sotto il ponte della Nera si sono accumulati alcuni legni che causano grave pregiudizio, e bisogna riparare alcune tavole del ponte
1598 09 15 si è provato a bandire il levare dei legni sotto il ponte della Nera e i muratori la mandano alta vicino a 20 scudi. Deliberatio di rimuovere la legna sotto il ponte della Nera a Silvano muratore di Todi e Pier Agostino Zerenga
1598 11 04 il muro vicino al ponte levatoio della Nera minaccia rovina e,secondo la relazione di Giovanni Domenico muratore, sembra che derivi dai muri che ha fatto Giovanni Giacomo Erolo a ponte Rotto.

La Storia del ponte medievale di Narni per ora studiata sui documenti di archivio viene poi  descritta visivamente  in tutte le stampe ed i disegni del grand Tour, che vedono questo ponte come sfondo al Ponte di Augusto, ma che in realtà era la via principale per attraversare rapidamente il fiume che per raggiungere il contado narnese sulla sponda destra del fiume Nera. 

Quindi un ponte a tutti gli effetti, utilizzato dai narnesi  come via di collegamento primaria per moltissimi anni. Alcune stampe del 1600 e 1700 lo mostrano addirittura con un ponte levatoio, ed in ogni caso con molte arcate in pietra, per contrastare la forza del fiume Nera . Nel trattato del Martinelli  e nelle sue raffigurazioni ci narra la sua imponenza ed anche la continua necessità di tenerlo in efficienza, “che essendo corroso fa temere di sua caduta”.  

Le arcate in pietra più vulnerabili vengo mano a mano sostituite da travi e tavolati in legno , innalzando anche il piano di calpestio. 

Nel 1800 serve poi all’esercito Napoleonico, e nel 1849, Garibaldi nella sua ritirata dalla repubblica Romana, lo fa dare alle fiamme, utilizzando fascine ed acqua ragia, 


per qualche anno si utilizzeranno dei traghetti e delle strutture improvvisate, per poi presto ripristinare i tavolati in legno , che sono presenti anche in diverse foto della seconda metà del 1800. 

una curiosità per la datazione delle foto è il  secondo pilone del ponte di Augusto , che cade il 17 luglio1885   permettendo quindi una datazione del prima e dopo tale data.

Con l’avvento poi della ferrovia  e la fase di industrializzazione di inizio 1900 il ponte aumenta la sua importanza e vien rimodernato con strutture in ferro, che permettono il passaggio non solo pedonale e di carri, ma anche delle prime macchine e autobus , 

come ci testimoniano altre foto d’epoca. 


Questo è un periodo di grande utilizzo del ponte che dai primi del 1900 diviene il punto nodale di congiunzione

tra la Narni antica e la Narni moderna, fino agli anni 1939 1940, in cui anche per necessità belliche, viene costruito il nuovo ponte sul fiume Nera, sulla strada dell’asse Roma Berlino.

Pochi anni dopo nel 1944 il ponte medioevale viene bombardato  e la torretta viene colpita e distrutta. 

Saranno proprio Inglesi ed alleati a ricostruirla, prima con un ponte di barche ed una piccola funicolare, poi con nuove strutture. 


Si ripristina anche il nuovo ponte per auto e veicoli pesanti.  

Da questo momento la passerella  assume una funzione pressoché pedonale, ma ancora molto utilizzata dagli operai dell’elettro e della linoleum che per molti anni ancora andranno a piedi al lavoro. Ora questo ponte, prima imponente poi chiamato nuovo, poi medioevale, ora passerella, viene utilizzato per passeggiare e per ammirare le rovine del ponte di Augusto, ed è rimasto un ponte senza nome.

Giuseppe Fortunati

http://www.narnia.it/formina.html

http://www.narnia.it/guida/augusto.htm

sito narnia umbria

Martinelli

Alberti

Omnibus

Vieni a trovarmi :

 

Torna all'indice

 

 

 


© Narnia site is maintained by fans and is in no way connected to Walden Media,
Walt Disney Pictures, or the C.S. Lewis Estate.
All copyrights are held by their respective owners.
The Narnia italian logo and page design are copyright © 2003-2010.

 

          Narnia iEARN Nelle scuole 

 

Ideazione e progettazione Giuseppe Fortunati - grafic by Erik Pettinari
© Narnia site is maintained by fans and is in no way connected to Walden Media,
Walt Disney Pictures, or the C.S. Lewis Estate.
All copyrights are held by their respective owners.
The Narnia italian logo and page design are copyright © 2003-2009.