Home

Podestà e Capitani del Popolo

Narnesi presso il museo del Bargello

a Firenze

firBargello_1.jpg (64009 byte)

 

 
 
 

PODESTÀ NARNESI

a FIRENZE.

Narnesi presso il museo del Bargello

 

firenBargello.JPG (144567 byte)

Una gita a Firenze

Per il mio compleanno, insieme alla mia famiglia ed alcuni amici , abbiamo pensato di passare un paio di giorni a Firenze . Uno dei nostri obiettivi era il museo del Bargello , particolarmente legato a Narni per vari motivi.

Il Bargello è stato per anni la residenza di Potestà, Giudici di Rota e Capitani del popolo della città , che li sceglieva tra i cavalieri , nobili , conti e marchesi che dovevano venire da fuori città e da paesi non confinanti con Firenze. Tali amministratori furono importantissimi tra il 1300 ed il 1500 e molti di essi lasciarono il proprio stemma nel cortile ed all’interno del palazzo . Sucessivamente il Bargello fu tramutato in carcere e solo dopo l’unità d’Italia nel 1875 , venne restaurato ed adibito a Museo della scultura e dell’arte a Firenze.

firbarg.jpg (92422 byte)

Per tale motivo siamo andati a visitarlo e tra le statue di Michelangelo , Donatello , Ammannati, Vecchietta e tanti altri artisti famosi , abbiamo iniziato le nostre piccole ricerche . Molti furono i narnesi che coprirono cariche importanti a Firenze , tra essi ricordiamo ad esempio i Massei, i Cardoli, Ciapo de Ciapis de Narnia e molti altri che furono Potestà e Capitani del popolo tra il 1345 ed il 1360 . Vennero poi molti altri Narnesi , tanto da contarne diverse decine, come riportato anche nel libro Narnia e Narni . Il bargello fu il luogo in cui con un buon numero di Familii , essi vissero ed operarono come amministratori della giustizia e comandanti delle truppe civiche che dovevano non solo garantire la sicurezza della città , ma dovevano anche guidare le truppe fiorentine in caso di battaglie come ad esempio Ciapo de Ciapis de Narnia, che nel 1359 E' podestà di Firenze. Assedia in Bibbiena Marco Tarlati, circonda la località con fossati e steccati, fa scavare cunicoli in direzione della rocca; bombarda, infine, il centro giorno e notte con 2 mangani, conquistando la città.

ciappo.jpg (172775 byte)

 

Al bargello abbiamo cercato e ritrovato gli stemmi di alcune famiglie narnesi ad esempio al primo piano nella stanza delle magistrature nella volta centrale abbiamo ritrovato 4 stemmi della famiglia Massei,

firmassei2.jpg (77693 byte)

un’aquila che troneggia su una bellissima sala dove sono esposte opere in avorio ed argento di rara bellezza.

firmassei.jpg (68965 byte)

Al piano superiore nella sala dei della Robbia , tra le note ceramiche robbiane, alzando gli occhi al cielo si notano gli stemmi della famiglia Cardoli ,

firrobbia.jpg (76834 byte)

con una particolarità tra i due stemmi che ricordano appunto Quirico de Cardoli de Narnia potestà tra il 1347 ed il 1348 e Ludovico Juvenalis Cardoli de Narnia potestà tra il 1360 ed il 1361 .

fircardoli.jpg (85742 byte)

Ma le sorprese non finiscono qui…..

Nella sala piu’ importante detta del Donatello , accanto alle opere del grande artista che tutti conoscono , anche per la famosa statua equestre fatta a Padova per il nostro Erasmo da Narni .

firvecchptot.jpg (54263 byte)

Proprio all’ingresso del salone , fa bella mostra di se la statua di San Bernardino da Siena , realizzata dal Vecchietta per la chiesa di San Francesco a Narni e esposta per lungo tempo presso la cappella Eroli .

firvecchp.jpg (134775 byte)

Infatti fu il cardinale Berardo Eroli a commissionarla al Vecchietta , che a Narni realizzò altre opere importanti come la tavola di San Giovenale, la statua di Sant’Antonio Abate , altri busti di san Bernardino , magari grazie anche alla mediazione di qualche potestà Narnese che in quel tempo era a Firenze.

firvecchiettab.jpg (93120 byte)

La statua di san Bernardino racconta Giovanni Eroli realizzata tra il . 1462 e -63 è in legno policromo e restò per lungo tempo sull’altare della cappella Eroli a Narni , sulla sua base si legge OPUS LAVRENTI PETRI PICTORIS SENENSIS. La statua rappresenta San Bernardino che sostiene un pannello con il monogramma IHS. La statua è sostenuta da un gruppo di angeli che presumibilmente lo stanno portando in Paradiso dopo la sua morte avvenuta nel 1444.

Ci sono vari documenti che certificano la sua presenza nella cappella Eroli , come ad esempio un bolla papale del (1464) in cui il Papa Pio II concede indulgenze a chi visita la cappella, dedicata a San Bernardino da Siena.

La statua era documentata ancora nella cappella nel 1659, quando era circondata da immagini o statue ora perdute, di San Louis di Tolosa e di Sant’Antonio da Padova. E’ documentata ancora nel 1747, e successivamente fu porta nella chiesa di San Giuseppe, dove fu documentata nel 1872 e nel 1896. Lo stesso Giovanni Eroli descrive questo con un immagine di un cielo stellato nel suo libro del 1898. Successivamente fu venduta al museo del Bargello a Firenze , dove entra nel 1910.

firgrifo.jpg (45448 byte)

La statua proveniente da Narni fa bella mostra di se, accanto ai lavori del Donatello , tra cui abbiamo notato un’altra curiosità relativa allo stemma della famiglia Martelli realizzato dallo stesso Donatello e raffigurante un Grifone giallo in campo rosso molto simile allo stemma della città di Narni .

 

 

capMassei.jpg (125901 byte)

 

I notai tra il 1343 ed il 1400 a Firenze furono tutti umbri tranne 8 ( su 373 ).

146 giudici di cui 138 Umbri.

I podesta’ furono 55 di cui 20 Umbri.

Si trovano altri riferimenti nell’archivio di stato di Terni

f. briganti

Degli Azzi G. Le relazioni tra la repubblica di Firenze

E l’Umbria nel secolo XIV anno pubbl. 1909

cardoli2.jpg (164875 byte)

 

Lista dei Podesta di origine Narnese

Che governarono Firenze

tra il  1345 ed il 1464

 

p. 26 Berardus Massei

de Narni. 1345

p. 51 Quiricus Carduli

de Narnia. 1347 – 1348

p. 230 Ciappus Tanti de Ciappis

de Narnia. 1359 – 1360

p. 256 Ludovicus Iuvenalis

Cardoli de Narnia. 1360 – 1361

p. 265 Clericus sive Quiricus

Cardoli de Narnia. 1361 – 1362

c. 141 Iohannes de Cuppis

de Narnia. 1379 – 1380

c. 570 Blaxius de Cardolis

de Narnio. 1426

91- Vettorius Iohannis de Cardolis

de Calvi de Narnea. 28 luglio 1415 – 27 gennaio 1416

106- Niccolaus Blaxii

de Masseis de Narnea. 28 giugno 1422 – 11 gennaio 1423

116- Gentilis Vettorii

de Cardolis de Narni. 9 marzo 1427 – 8 settembre 1427

150- Gentilis Vettorii

de Cardolis de Narnea. 24 febbraio 1448 – 23 agosto 1448

153- Iohannes Niccolai

de Masseis de Narnea. 24 agosto 1449 – 23 febbraio 1450

179- Petrus de Catanis sive

de Ghisanis de Cesis

civis Narniensis. 16 maggio – 15 novembre 1464

16 novembre 1464 – 15 maggio 1465

16 maggio 1465 – 9 gennaio 1466

 

cardoli.jpg (179638 byte)

 

firBargello_1.jpg (64009 byte)

vedere anche dettaglio sui potestà a Firenze 

Il duomo di Firenze nel 1357

Vescovo Tinacci che benedì i pilastri di fondazione nel 1357

firerolimontP8250010.jpg (64857 byte)

Cappella Eroli Virtuale

 

 

 

 

ideazione e progettazione Giuseppe Fortunati
© Narnia site is maintained by fans and is in no way connected to Walden Media,
Walt Disney Pictures, or the C.S. Lewis Estate.
All copyrights are held by their respective owners.
The Narnia italian logo and page design are copyright © 2003-2012.