Home

 

 

Ponte Cardona

cardonap.jpg (96589 byte)

 

Mi presento, sono ponte Cardona, un tempo facevo parte dell’acquedotto della FORMINA, si dice che fui costruito nel I secolo d.C. da Marco Cocceio Nerva per attraversare il fosso Cardona.

I Romani, per costruire gli acquedotti, perfezionarono la tecnica di costruzione dell’arco imparata dagli Etruschi .

Le condutture inclinate, sostenute dagli archi, consentivano di convogliare verso le città l’acqua che sgorgava dalle sorgenti sulle colline .

Gli ostacoli naturali, che si potevano incontrare lungo il percorso, venivano superati poggiando la conduttura su un ponte ad arco.

 

 cardona1p.jpg (104936 byte)

 

 

 

Per raggiungermi devi percorrere un lungo sentiero in mezzo al bosco.

Partendo dal ex ristorante il Montagnone , in località Santa Lucia , un percorso segnalato, ti guiderà lungo il tracciato dell’acquedotto della Formina.

 

 cardona 2p.jpg (111816 byte)

 

 

 

Grandi querce e lecci accompagnano il cammino fino a quando, improvvisamente, la macchia si fa meno fitta, il percorso sembra miracolosamente proseguire nel vuoto.

 

 

 cardona3p.jpg (149386 byte)

 

 

 

Mi hanno dichiarato Centro d’Italia, dall’Istituto Geografico Militare perché sono situato a uguale distanza da Nord a Sud, da Est ad Ovest dell’Italia.

 cardona7p.jpg (113389 byte)

 

Le mie coordinate geografiche sono:

Latitudine 42° 30’ 11"

Longitudine 12’ 34’ 24".

 

 cardona5p.jpg (36246 byte)

 

 

 

Attraverso di me scorreva un antico acquedotto che rifornì di acqua potabile la città di Narni sino ai primi decenni del nostro secolo.

 

 

 cardona6p.JPG (14242 byte)

 

 

Sono un ponte romano realizzato in opera quadrata con conci di travertino.

La mia architettura si richiama a quella dell’ età augustea ad un solo arco a tutto sesto , leggermente rialzato.

Si deve scendere nel letto del fosso per ammirare tutta la mia bellezza : un’architettura vecchia di duemila anni emerge nel groviglio di una vegetazione spontanea e forte.

 

Le mie misure sono :

LUCE m.2,44

ALTEZZA m.7,90

PROFONDITA’ m.2,15

 cardonap.jpg (96589 byte)

 

Le mie pietre presentano una superficie a rilievo perché è stata usata la tecnica di lavorazione a "BUGNATO",alla quale i Romani ricorrevano per risparmiare tempo e per dare l’idea di una pietra più massiccia e, quindi, più duratura.

Gli strumenti per fare questo tipo di lavorazione erano molti e davano effetti diversi a seconda della loro utilizzazione.

La legenda

In età romana venne costruito l’acquedotto della Formina che portava acqua da Sant’Urbano a Narni passando trai boschi di Itieli , unendo tratti scoscesi con ponti che hanno resistito al tempo .Uno di questi ponti , detto Cardona , che si trova in località Montagnone .Il tratto dell’acquedotto era utilizzato come strada che univa Narni a S.Urbano.Uno dei punti più difficoltosi era proprio ponte Cardona,che doveva apparire pericoloso soprattutto di notte .Il frate questuante del convento di Sant’Urbano,inizia qui la leggenda,tutti i giorni veniva a piedi a Narni per elemosinare il necessario per vivere, secondo la Regola, e, inoltre ,per incontrare gli altri frati del monastero di S.Francesco.

cardona9p.jpg (104010 byte)

Tutti i giorni un certo Giovenale,che abitava vicino al ponte,aspettava il frate al suo ritorno per regalargli un pane o una gallina,un bicchiere di acqua fresca, se era estate, e un bicchiere di vino, era inverno.Ma un giorno Giovenale si accorse che il frate tardava: avrà qualche problema, pensò.Il giorno seguente Giovenale vide un frate giovane, ma con una sacca vecchia sulle spalle, allora capì che l’amico di tanti giorni era morto.La notte stessa Giovenale lo sognò.

Nel sogno gli parlò di un tesoro nascosto sotto il ponte e che nessuno lo aveva mai cercato. Appena sveglio Giovenale si recò sul luogo indicatogli dall’amico e cominciò a scavare.

Dopo un’ora avvertì che la pala aveva toccato una cassa metallica.

Improvvisamente il cielo si oscurò e si alzò un vento fortissimo, insieme ad una pioggia intensissima che fece straripare il piccolo torrente.

Giovenale riuscì a mettersi in salvo mentre la buca,faticosamente aperta,si richiuse.

La notte seguente Giovenale tornò sotto il ponte,scavò una seconda volta,dove ancor oggi c’è una buca.

Secondo alcuni Giovenale trovò quel tesoro,secondo altri una strana tempesta fece scomparire per sempre il tesoro nascosto.

FORSE IL TESORO DI PONTE CARDONA E’ ANCORA LI’.

La leggenda è tratta da:

C’era una volta-Antiche leggende narnesi,raccolte e raccontate da Claudio Magnosi.

 

 

" La Formina "

 

L'acquedotto romano della Formina, nella bassa Umbria, fatto costruire da Marco Cocceio Nerva, tra il 24 ed il 33 d.C. fu la soluzione agli approvvigionamenti idrici della città di Narni, da sempre soggetta ad estati siccitose, ove anche le cisterne urbane poco servivano a soddisfare i fabbisogni dei suoi abitanti.

 cardona4p.jpg (124361 byte)

 

L’acquedotto ha una lunghezza di circa 13 km. e con una pendenza di circa il 6 0/00.

Parte da Sant’Urbano ed arriva a Narni.

Le dimensioni interne sono varie, da 1,30 m. a 1,80 m. d'altezza, alla larghezza, quasi costante, di "un piede e mezzo" romano, equivalente proprio ai 45 cm. . La volta è prevalentemente a cappuccina, composta da lastre contrapposte a "V" rovescia, a volticine con spezzature di pietra e calce, a lastroni orizzontali.

cardona6p.JPG (14242 byte)

La sorgente presso il paese di S. Urbano in località "capo dell'acqua", si trova a 356m.s.l.m. lungo il tragitto si trovano anche gallerie e trafori ,
il più lungo con i suoi 645 m. di galleria. Ogni tanto si trovano delle "bocchette" di accesso, come da queste parti sono chiamati gli sfiati per l'acqua, in altre parole pozzi che avevano la funzione di permettere l'eventuale rimozione di detriti ed impurità da parte degli addetti alla manutenzione.

cardona11p.jpg (94391 byte)

Lungo il percorso si trovano circa 139 bocchette oltre a 55 pozzi verticali nelle zone in Galleria : le gallerie più lunghe sono quelle di S.Biagio (m.490), di Monte Ippolito (m.900) e di Monte S.Silvestro (m.370).

 

La pendenza dello scavo, intorno al sei per mille, non è in pratica percepibile. Tale inclinazione, oltre ad angoli a gomito appositamente distanziati, fu studiata al fine di evitare all'acqua di prendere velocità ed erodere la muratura interna.

Vieni a trovarmi :

narnimap.JPG (88983 byte)

 

Torna all'indice

 

 

 


© Narnia site is maintained by fans and is in no way connected to Walden Media,
Walt Disney Pictures, or the C.S. Lewis Estate.
All copyrights are held by their respective owners.
The Narnia italian logo and page design are copyright © 2003-2010.

 

          Narnia iEARN Nelle scuole 

 

Ideazione e progettazione Giuseppe Fortunati - grafic by Erik Pettinari
© Narnia site is maintained by fans and is in no way connected to Walden Media,
Walt Disney Pictures, or the C.S. Lewis Estate.
All copyrights are held by their respective owners.
The Narnia italian logo and page design are copyright © 2003-2009.